***La relazione narcisistica è governata dal possesso e non dall’amore, per questo il narcisista ha bisogno di tornare dalla vittima mosso dalla necessità di riconfermare la propria influenza su di essa e assicurarsi che non gli sia sfuggita. Può farlo a distanza di giorni, di settimane, di mesi o di anni dalla fine della relazione, ma lo farà sempre e, quasi sempre, i suoi ritorni sconcerteranno l’ex partner e sortiranno un effetto paralizzante sulla vita affettiva della preda.

Il ritorno narcisistico scambiato per amore.  Chi dipende sentimentalmente da un narcisista patologico può, anche dopo lungo tempo dall’interruzione del legame, travisare il ritorno come un’azione meditata e romantica, come il segno del cambiamento sperato che si realizza e che prospetta un amore sereno a cui abbandonarsi dolcemente dopo tante, troppe pene. Purtroppo, il narcisista perverso non riserva nulla di simile e, anche se la “vittima” potrebbe saperlo, fa spesso in modo di accorgersene troppo tardi.

Le strategie degli infiniti ritorni del narcisista vanno dal semplice sms inaspettato ad un invito a cena, dal post allusivamente sentimentale su Facebook alla proposta di matrimonio più impulsiva del mondo. Queste strategie possono essere idealmente ordinate tendendo conto di due variabili: l’impegno del narcisista nel ritornare e la frequenza delle sue azioni sulla ex-partner. Su questa base, abbiamo 4 tipologie di “ritorno narcisistico”:

  1. Ritorno a basso impegno e bassa frequenza. È la strategia di “ritorno” più tipica, esemplificata dal classico messaggino “Ciao, come stai?” che raggiunge la vittima come un fulmine a ciel sereno. È a basso impegno perché un sms non costa nulla e, anche nei contenuti, non sembra implicare altro che un cortese saluto. La frequenza bassa, per esempio un messaggio al mese o ogni due mesi, denota che il narciso non ha fretta, sente di avere la persona in pugno e si accontenta di verificare che sia così. D’altra parte le reazioni delle “vittime” a questi input infinitesimali sono spesso abnormi: messaggi come “Penso sempre a te” o “Male. Mi hai rovinato la vita”, per non parlare di email o telefonate sono sufficienti a rassicurare il narciso sul  proprio ascendente e bastano a interrompere l’interazione per un po’. Sino al successivo “controllo di possesso”
  2. Ritorno a basso impegno ed alta frequenza. Se il metodo precedente non ha funzionato, la seconda strategia prevede sempre il basso impegno comunicativo tipicamente narcisistico, ma aumenta la frequenza dei messaggi, veicolati anche su più canali, soprattutto via social-network. Provocazioni indirette, foto smielate, testi romantici prefabbricati, si affolleranno sui profili del narcisista, intrecciati l’uno con l’altro con ragnesca tenacia. Anche questo stile di “ritorno” ha ottime probabilità di successo e viene interrotto non appena la preda cede con trasporto ed abnegazione.
  3. Ritorno ad alto impegno e a bassa frequenza. Questo tipo di ritorno è dato dalla proposta di un caffè o di una passeggiata, da un messaggio meno criptico del solito o di una foto sottoscritta con una emoticon. Per il resto, sarà l’ex-partner a fare tutto: a ricambiare con pensieri profondi, attenzioni, regali e testimonianze d’amore di disarmante ingenuità. Se ciò non avviene, il narciso può rincarare l’impegno e arrivare a stordire la vittima con dichiarazioni come “Sei l’unica donna che abbia mai amato”, “Voglio un figlio da te”, “Voglio sposarti”. Questi ritorni si concludono a letto una tantum. E poi, la sparizione è garantita sino al prossimo giro.
  4. Ritorno ad alto impegno ed alta frequenza. È la forma più rischiosa del “ritorno” narcisistico, attuata quando la preda è decisamente in fuga, in piena fase di svincolo. Questa modalità può, purtroppo, mettere in pericolo l’ex-partner più di altre, perché l’insistenza del corteggiamento e la petulanza dei messaggi potrebbero sfociare nello stalking e, nel caso i rifiuti della vittima risultino ambivalenti o tardivi, portare all’aggressione verbale e/o fisica.

La consapevolezza degli schemi del narcisista e della propria fragilità nel rapporto può salvare la sua ex-partner dal drammatico travisamento del ritorno, sostenerla nel rifiutare nuove comunicazioni o incontri e impegnarsi a elaborare definitivamente il distacco. In mancanza di tale consapevolezza, invece, le irriducibili manipolazioni del narcisista possono far centro infinite volte, causando dolore, umiliazione, rabbia, sentimenti di impotenza e una serie di sintomi psicologici di tipo ansioso e/o depressivo riconducibili, insieme ad altri indicatori, alla dipendenza affettiva.

In circa quindici anni di esperienza professionale, non ho mai visto narcisi svanire per davvero dalla vita delle proprie amanti, sebbene esse si disperassero a causa di separazioni davvero solenni e giurate. Al contrario, ho osservato decine e decine di ritorni narcisistici nelle quattro varianti di cui sopra, anche dopo dieci anni, con conseguenze prevedibili ogni qualvolta la “preda” ha lasciato che l’illusione e la lusinga la persuadessero a riprendere il contatto.

Approfondisco il tema nel nuovo libro “I narcisisti perversi e le unioni impossibili. Sopravvivere alla dipendenza affettiva e ritrovare se stessi, appena uscito e distribuito nel formato cartaceo e in ebook dai migliori store online e ordinabile presso oltre 4000 librerie fisiche, comprese quelle del circuito La Feltrinelli e inMondadori.

A Cagliari, il libro si trova presso la libreria Mondadori di via Sonnino.

(Enrico Maria Secci, Blog Therapy)

 



43 commenti già pubblicati, aggiungi il tuo!

Alessandro on 5 Giugno, 2017 at 01:00 #
    

Io sono stato con una narcisista perversa, ho fatto tre anni di convivenza tra alti e bassi, e cambi di casa continui sempre dove gli poteva essere più comodo a lei e non di certo a me, ovviamente i traslochi me li sono fatti io.Cmq quando inizia la nostra storia le cose andavano bene, mi sentivo gratificato nonostante facessi enormi sacrifici per andare e tornare,cmq ha cominciato a fare come sempre gli diceva la testa…Era diventata gelosa all’ossessione tanto da controllare il mio cellulare la notte mentre dormivo e a non dedicarsi a me non parlo della sfera sessuale, ma nelle cose normali di vita quotidiana,aveva l’ossessione di fare 2 lavatrici al giorno e nell’ultima convivenza di tre mesi è riuscita a lavarmi la mia roba 6 volte…Io a casa cucinavo e lavavo le pentole anche per la figlia,ma sembrava che quello che facevo fosse totalmente inutile.
Grandi pianti da Oscar da parte sua per come andava il rapporto,ma alla fine non cambiava mai nulla, parole mortificanti anche negli ultimi messaggi che ci siamo scambiati prima di dirci addio, dove lei mi diceva che aveva un altro e la mattina si è svegliata con affianco un uomo meraviglioso, non era la prima volta che lo faceva…Diciamo che faceva resuscitare anche gli ex, ma a questo giro ci ho creduto, nonostante gli avessi chiesto di dirmi la verità se aveva una relazione o meno e io mi sarei fatto da parte, perché nella vita può capitare di innamorarsi di un altra persona o che gli piace,ma lei niente…Negava fino alla fine, poi ovviamente vedevo su Wathsapp certe cose,messaggi sullo status ambigui e foto ambigue…Comunque lei vedendo la mia insistenza, lei mi ha bloccato su Wathsapp e altrettanto ho fatto io, ha fb dove l’ultima volta aveva messo Delle foto ambigue come se fosse stata ad un parco ma ci stava solo lo sfondo…Cmq con chiunque fosse stata al di fuori del dolore che è riuscita ad arrecarmi e continua a tutt’oggi, Perché mi sono sentito usato sui sentimenti e anche sul piano economico.
La mia domanda cruciale, Lei tornerà?Dal 8 aprile fino al 8 maggio ci siamo scritti,anzi io scrivevo poemi e lei gelida mi faceva del male con le sue risposte…Beh lui se lo può permettere…Ecc …
Queste persone sono schematiche, e il libro l’ho letto, ma non dice molto sui periodi di assenza e periodi che potrebbe riaffacciarsi se le cose dovessero andargli male con quel poveraccio con cui sta adesso.Ho paura di ritrovarla sotto casa, perché lo ha fatto anni fa, o che mi sblocca da Wathsapp e cominci a stuzzicarmi scrivendo sul suo status, parole…Dove vuole essere riempita,ecc…
Ditemi cosa posso aspettarmi da una donna così, vi prego!


Minu on 14 Maggio, 2017 at 01:50 #
    

Dopo quasi due anni il mio ex narcisista non è più tornato. A parte qualche mail per risolvere una questione burocratica, lui non si è fatto più vivo. Comunque, non penso che i ritorni avvengano in tutti i casi. Al di là di questo, cercate di non pensare a un suo eventuale ritorno, perché rendereste più difficile il percorso di guarigione della ferita all’anima che la persona vi ha inferto. Quando, in preda all’angoscia e tristezza pensate a lui e ai momenti belli passati insieme, senza batter ciglio cominciate a pensare alle urla, alle offese, agli schiaffi e alle infinite bugie e sensi di colpa che hanno costellato la vostra storia. Imparate a difendervi dal pensiero di un uomo che ha annullato il vostro pensiero.


M.P on 17 Marzo, 2017 at 15:33 #
    

Salve anche io ho l’impressione di avere tuttora oggi a che fare con un narcisista.L’ho conosciuto in chat sotto profilo falso,inizialmente non mi fidavo poi col tempo e’nata la fiducia,e’nata una storia anche se io sposata e lui fidanzato,cosa normalissima ai giorni nostri.Finita dopo 3mesi da parte sua.Ok mi stavo riprendendo quando mi contatta con vari profili falsi e con provocazioni del tipo ci vediamo. ….E menzionata il posto dove noi…..E io però.a lo facevo parlare bn bn e poi lo bloccavoNel frattempo si e’sposatocon la ragazza che tradiva stando con me comprato casa e cambiato auto,io per la mia vita e lui sulla mia vita spiandomi e ritrovandosi più di una volta al paese mio distante 10 km.E ottobre ilfinale e’ritornato nuovamente con 2profili falsi dove diceva che gli mancavo e in un’altro che mi avrebbe aspettata.Dopo un mese lo ricontatto e lui già pronto per riiniziare la storia,che gli ero mancata e che donne come me non ne ha mai trovare,praticamente 30 tt e solo per……..Non uso termini volgari essendo un marinaio lascio i commenti…Il dubbio mi e’sorto nel momento in cui ho parlato con una persona estranea a tt e mi ha detto tra (hai e che fare con un narcisista che gli piace apparire)oltre cio’ho riscontrato che i messaggi li manda solo per prendere appuntamento o ogni tanto così e con enorme gelosia tipo dove sei?con chi?quando ritorni a casa?Io la mettevo come semplice gelosia e invece eccomi come presa presa a livello fisico essendo un buon amante…del resto altro sintomo.Sto’giocando col fuoco ma rimanendo razionale e vedere fino a che punto vuole arrivare e metterlo alla prova cosa che in alcune non è venuto meno.Mahhh staremo a vedere Salve a tutti


P.P.84 on 8 Marzo, 2017 at 13:27 #
    

Buongiorno a tutti…perfavore vorrei porvi una donanda.Purtroppo anche io sono stato vittima e ne sto uscendo ora, con le ossa rotte da una relazione con una narcisista perversa. Dopo numerose sparizioni e ricomparse da parte sua, l’ultimo mese è stato il più infernale di tutti, perché avendo nasato che qualcosa non andava ,non sono stato più disposto a sottomettermi.E ci siamo separati(anche se telefonicamente) in maniera abbastanza cruenta.Le ho detto che questa volta l’avrei distrutta,perché sparivo e non mi avrebbe più visto e più sentito. Ora sono due mesi che non si fa viva…Secondo voi tornerà strisciando come ha fatto l’ultima volta o finalmente me ne sono liberati??


Rodolfo on 27 Novembre, 2016 at 22:31 #
    

Sono solamente un’amico,e niente altro.Ma si comportava come se fossi il suo schiavetto. Le ho anche prestato alcune volte dei soldi. Nega decisamente di averli mai avuti .Ho troncato da tre mesi ogni rapporto amicale. Non si è ancora fatta viva.Perderò dei soldi ma non importa.


Anna on 21 Novembre, 2016 at 23:10 #
    

Lo conosco a novembre 2013, in un momento in cui sto ricostruendo la mia vita, dopo la separazione dal mio ex marito. Io vivo da sola ed ho un lavoro stabile, ma che mi porta a stare molto fuori per riunioni o impegni. Lui si presenta come un professionista che lavora con la mente affermato e molto ricercato, che visto un momento difficile si trova a fare il personal trainer (il suo lavoro in pratica). Dopo essere usciti insieme per qualche sera, metto le cose in chiaro e gli spiego che non cerco avventure ma una relazione stabile. C’è sempre stato qualcosa che istintivamente mi diceva di non lasciarmi andare con lui, ma purtroppo non ho ascoltato. Lui mi rassicura e mi convince ad andare avanti. Si presenta a casa mia ogni fine settimana, con la sua valigia. Appena arriva noto che ha dei comportamenti strani, passa dall’essere molto affettuoso a molto aggressivo, cura poco l’igiene, passa molto tempo al telefono, pretende di managuare e bere molto bene, ma naturalmente tutto a spese mie. Capisco che è in difficoltà e vado avanti, penso tra me e me che almeno è affettuoso, ma poi comprendo che non si tratta di affetto, ma solo di sesso. Lui usa molto il sesso per tenermi legata. Scambio la sua gelosia per interesse nei miei confronti e piano pian lascio Che mi isoli da tutti, amici, colleghi, famiglia. Vuole che gli racconti tutto di me e nell’arco della prima settimana mi dice già che mi ama, sono molto perplessa, ma lui fa di tutto affinché gli creda e naturalmente aumenta la sua presenza e la sua passione, finché non mi tiene mentalmente in pugno non si arrende. dopo i primi sei mesi di frequentazione mi dice che avrebbe volgi adì vivere insieme e che mi dovrei trasferire io così lui potrebbe anche contribuire di più alle spese di casa . Io mi trasferisco , intesto casa in affitto e utenze , ma alle prime difficoltà noto che lui si disinteressa totalmente e va in crisi per ogni cosa.Quindi prove di a tutto io anche perché dopo essermi trasferita guarda caso il suo lavoro va male e non può contribuire in niente. nel primo anno finisce in ospedale per ben due volte e tra un intervento e l’altro trova il tempo di tradirmi . Tradimento che scopro dopo un anno, grazie alla sua amante, anche lui sfruttata economicamente e poi lasciata. dopo un mese di convivenza prende un cane che naturalmente intesta a me e che abbandona con me , tutte le volte che fa i bagagli per tornare a casa. inizio a capire che mi mente proprio grazie al cane , scopro inoltre che quando si è messo con me , in realtà stava con un’altra , per lui un’amica del cuore, con la quale ancora era in relazione e dalla quale otteneva dei piccoli favori economici. Lo perdono più volte, delle bugie , dei tradimenti , dei maltrattamenti , dei suoi sfoghi di rabbia. Lui mi prega di poter stare con me, perché restare dai suoi in una stanza piccolina non gli va più bene, vorrebbe un figlio…ma naturalmente nessun impegno. Io non accetto, se vuole tornare deve contribuire perché da sola non posso mantere entrambi… not ch e mentre cerchiamo di ricucire il rapporto lui cambia atteggiamento se non si vede accontentato ed ha atteggiamenti strani, quindi capisco che di nuovo frequenta altre donne. Lui pensa solo al suo aspetto fisico, fa sempre allenamento , perché dice , così faccio sesso con tutte… passa le ore allo specchio, ha occhi solo per se stesso. Chiede e pretende regali, passando per il povero sfortunato che ha un momento di difficoltà , mi fa sentire in colpa se non lo aiuto, io che ho il doppio delle responsabilità rispetto a lui. Alla fine straziata moralmente ed esaurita, trovo la forza di lasciarlo ..lui dopo una settimana riprende i contatti, via social, quindi visto il suo atteggiamento litigioso lo blocco su tutti i fronti definitivamente. A distanza di sei mesi da quando l’ho lasciato lui è già in un’altra relazione, io purtroppo non riesco neanche a toccare un uomo, ne a pensare ad un’altra relazione. Potrei scrivere molto altro su come mi sono lasciata umiliare, usare, manipolare, sfruttare, maltrattare, ma lo schema del narcisista che ho conosciuto io è veramente Pazzesco. Ringrazio Dio di avermi dato il cane, che nei suoi innumerevoli abbandoni é sempre stato al mio fianco e mi ha aiutata a capire tante cose, l’essere umano più sincero che abbia mai conosciuto e che veramente ama incondizionatamente . Per il resto mi rammarico solo di non aver ascoltato il mio istinto, ringrazio Dio di avermi dato la forza di uscirne preservando il mio lavoro ed i miei valori, che per un momento ho creduto di perdere. Una persona sporca si specchia in un persona vera e ciò che vede é l’immagine di un se veramente squallido, quindi tende a sminuire, ricattare , sottomettere, ECC.. potrei scrivere per ore ciò che ho subito e sopportano, non lo auguro a nessuno. Ho scritto queste cose solo perché spero che nessuno ci caschi più, altrimenti vorrei solo,cancellare tutto dalla mia mente.


Zoe on 20 Novembre, 2016 at 23:37 #
    

l’ abbandono e il silenzio radio sono i mezzi per piegare la volonta’ e soprattutto la dignita’ della vittima.. e anche se finge di sparire in realta’ controlla da lontano, attraverso amici, fb, ecc. Evitare di raccogliere la provocazione dei suoi ‘messaggi subliminali’ inviati attraverso i social e’ un buon sistema per stancarli e farli desistere..


cricri on 10 Novembre, 2016 at 18:09 #
    

per Angelina. Grazie per le tue parole. Ovviamente è tornato. Ovviamente il mio cuore ha sobbalzato. Ma tengo duro, e ogni volta che mi viene la tentazione di cedere, mi concentro sulle cattiverie che in passato mi ha riservato. La rabbia che provo ho deciso di usarla per mandarlo a quel paese, piuttosto che utilizzarla per dirgli ciò che penso di lui. A lui, della mia opinione, non gliene frega proprio nulla… un abbraccio virtuale a tutte


Angelina on 9 Novembre, 2016 at 23:35 #
    

Per Cricri. Ho vissuto la stessa storia, esattamente uguale, due anni fa. A cui sono seguiti altri ritorni e altri abbandoni e tante sue storie parallele Ho rovinato la mia salute e sprecato 5 anni e occasioni migliori fino a lunedì scorso. Ho scoperto l’ennesima storia parallela ma stavolta l’ha ammessa (definendosi "corretto") e mi ha detto che vuole mantenere tutte e due: la nuova relazione ufficiale con una donna più giovane, e al contempo continuare a frequentare me. Fare l’amante insomma ! Ho rifiutato e soffro il distacco ma con questi individui non c’è mai fine al peggio !


cricri on 5 Novembre, 2016 at 19:21 #
    

Ieri ho chiuso per l’ennesima volta. Ho bloccato tutti i possibili canali di comunicazione (fb, wa, messenger, sms, telefonate….); spero basti perchè l’ho già fatto in precedenza ma non è stato sufficiente. Ogni volta ha trovato altri modi per riagganciarmi (suppliche alle mie amiche, mazzi di rose con allegato biglietto trasudante amore sul parabrezza della macchina, appostamenti fuori dal lavoro…). Ed io inebriata da quelle che credevo fossero dimostrazioni di amore sincero, ci ricascavo. Sempre. Non mi è bastato beccarmi un bel paio di corna (di quelle che conosco almeno, perchè sento che di storie parallele ce ne sono state altre). Un paio di mesi fa incontro un altro uomo: mi ci sono buttata a capofitto, non mi sembrava vero di poter provare interesse per qualcun altro che non fosse lui. A cui ho detto che ormai avevo un altro e che poteva mettersi il cuore in pace. Sono stati due mesi di dichiarazioni d’amore sconfinato, di messaggi teneri e sensibili, di confessioni e di richiesta di non allontanarlo, perchè una donna come me per lui è il massimo… Risultato: ho lasciato l’uomo con cui mi ero messa (una bravissima persona, tra l’altro) per ritornare veloce come una centometrista tra le braccia del mio narcisista (un passivo-aggressivo, cupo, introverso, solitario, ma con una fortissima carica erotica che mi ha tenuta legata per due anni), speranzosa che, finalmente, fosse giunta l’ora perchè la nostra relazione prendesse quel volo che non aveva ancora spiccato in precedenza. Inodovinate un pò? abbiamo avuto una settimana di fuoco e passione, mi ha fatto toccare ancora il cielo con un dito per poi riattuare la sua strategia perversa. Improvvisamente per due giorni non si fa sentire. Niente telefonate, niente messaggi, niente. Ed io vado in tilt, ma stoica resisto, perchè non voglio che pensi di me che sono la solita possessiva/gelosa/troppo sensibile/noiosa, quindi non lo cerco. Ieri mattina non ho resistito più e l’ho chiamato. Mi ha risposto con più freddezza di una segreteria automatica, dicendo che sono diventata aggressiva, che non sono più la donna di un tempo e che lo devo perdonare, ma lui ha paura di me, si sente soffocato…. Ho ascoltato pietrificata le sue parole, non ho commentato, ho semplicemente salutato e riagganciato ed immediatamente l’ho cancellato dai mie contatti. Come sto? svuotata, imbambolata, come se fossi sotto una campana che mi isola dal resto del mondo. Mi arriva tutto ovattato, da lontano, tutto è estraneo e dentro me è in corso una lotta tra la parte di me che pensa che forse è la volta buona, forse ci riesco a tenerlo fuori dalla mia vita per sempre, e l’altra parte di me, quella che spera che lui escogiti qualcosa di eclatante per ricontattarmi, dimostrandomi così che mi sono sbagliata, che mi ama, che mi vuole… Quanta forza, quanto dolore, quanto tempo servirà per guarire da questa dipendenza…. grazie per esserci, leggere le esperienze lasciate in questo blog è davvero importante. So di combattere una guerra, ma nella trincea non sono sola. Un abbraccio a tutte..


Martha on 30 Ottobre, 2016 at 15:33 #
    

Alla fine mi trattava come una puttana! Con questa frase riassumo due anni di relazione extraconiugale che mi ha portato letteralmente dalle stelle al fango! Fortunatamente appena ho cominciato a sentire il disagio, l’ansia e la depressione incalzante, ho chiesto aiuto psicologico provando a tutelare quella poca autostima rimasta che mi ha aiutata a chiudere questo stillicidio. È inutile che racconti i particolari della relazione visto che più o meno il cliché dei narcisisti perversi è sempre lo stesso, mi soffermo invece a descrivere il mio stato d’animo del durante: sentivo come se vivessi due realtà, una legata a lui ed ai suoi capricci, dove io seguivo alla lettera ogni sua richiesta assecondando stati d’animo e prestazioni sessuali, tollerando l’assenza dell’affetto, vincolata ad orari, messaggi e telefonate sterili, raccontavo bugie alle amiche quando provavano a mettermi in guardia pur di giustificare il mostro che alimentava il rapporto con briciole di niente ed in famiglia per poterlo incontrare…poi c’era l’altra me: mi sentivo soffocare, nei pochi attimi di lucidità provavo a rispondere alle tantissime domande in sospeso della mia mente, provavo a capire perché accettavo e fermavo la mia vita davanti a quel niente, due anni di non vita. Mi sono documentata tanto ed ho letto i suoi libri dott Secci, li ho letti due volte e continuerò a leggerli, devo fissare le sue parole come un mantra perché il dolore e la rabbia che sento adesso non valgono l’energia impiegata per dedicare i miei pensieri (anche se negativi) a quello schifo di uomo!
Ho chiuso il rapporto da pochi giorni, per evitare “ritorni di fiamma” l’ho bloccato su fb, sul telefono e su tutte le piattaforme di messaggistica che usava per comunicare…mi sento fragile però, tutta questa rabbia ho paura che sia solo tanta voglia di riavere quell’uomo affascinante che ho conosciuto due anni fa, che mi ha fatto vivere dei momenti indimenticabili…ma alla fine mi ha ridotto al ruolo di puttana, masturbandosi con le mie foto, mi sono resa conto che ero una delle tante usate durante le sue ore di “svago” sui social…alla fine ho saputo che provava ad adescare donne in maniera compulsiva senza crearsi problemi davanti ad amiche di vecchia data, donne con evidenti problemi di coppia e sofferenza o donne fisicamente insignificanti e brutte, per lui lo scopo è solo uno: sentirsi il gallo del pollaio! Tutto questo ovviamente dietro la facciata di un matrimonio perfetto, moglie perfetta e lavoro perfetto, una moglie perfetta per esibire come premio per l’uomo perfetto, con la quale non fa sesso perché lei sostiene essere disinteressata, ed un’amante da calpestare per sfogare le frustrazioni del suo essere spregevole!
Mi sento distrutta!!


Daniela on 23 Ottobre, 2016 at 10:55 #
    

Grazie Dottore per il sito e per il libro ho seguito le fasi del ritorno del mio narcisista e con la sua analisi sono riuscita a vedere e a prevedere e a “salvami”. Grazie infinite


Tom on 16 Ottobre, 2016 at 17:27 #
    

Cara est. A me una storia di cinque mesi con una brutta persona mi ha ridotto in pezzi. Sono passati sedici mesi ma, nonostante l’abbia lasciata io, sto smettendo di essere quello che ero prima. Sono distrutto. Il tuo post mi ha spaventato: confrontati con tutto il mondo è non smettere mai di chiedere aiuto! Buona fortuna. Mi dispiace tanto per te. Ciao.


Chiara on 15 Ottobre, 2016 at 10:15 #
    

Anche io penso di aver avuto a che fare con un narcisista. Ho conosciuto questo ragazzo a Novembre 2015; premessa:lui viene da una famiglia un po’ facoltosa, abita in una delle zone più chic di Roma, vicino Villa Borghese, via Veneto, quelle parti li… io invece ragazza normalissima, una famiglia come tante.
Penso proprio che sia stato anche per questo, per la classe sociale, che lui non mi ha rispettato. All’inizio sembrava filare tutto liscio; complimenti, premure, reale interesse per me, anche a fare una storia seria… a fine gennaio di quest’anno, dopo che avevamo avuto anche dei rapporti sessuali (io me ne stavo innamorando, per quello mi sono concessa), mi dice che non prova più niente per me, che però non c’era un’altra, ma che aveva dei problemi in famiglia e nel cercare lavoro… invece,un’altra c’era eccome! Il signorino a Dicembre scorso (già da un mesetto si frequentava con me), ha conosciuto questa ragazza, e io non sapevo niente! In pratica ha tenuto il piede in 2 scarpe… con me faceva sesso, facendomi credere però che ero io la sua ragazza, e con lei il ragazzo per bene. Difatti, da gennaio sta con lei, ancora adesso… e io? Me la sono presa letteralmente in quel posto! Usata, sfruttata, presa in giro… non so se mai si rifarà vivo, in questi mesi non mi ha mai ricercato; non so neanche se ha ancora il mio numero, ma penso di si. Appunto, volevo sapere se si tratta di un probabile narcisista, o se semplicemente si era solo stufato di me, dato che sta ancora con questa ragazza, da 9/10 mesi… io lo so perché ha preferito lei, l’ho capito dopo… è un buon partito, sta messa bene economicamente! Che schifo di persona

Grazie :)


Francesca on 17 Settembre, 2016 at 20:03 #
    

Tutto quello ch mi è capitato in due anni
Adesso sono sfinita… il mi ha persino mandato un email di 7 pagine dove ha spiegato perché non stavamo più insieme a mia madre…e lui era un tipo che voleva una prostituta come fidanzata. E stato un inferno


Maria on 26 Aprile, 2016 at 23:40 #
    

Dire che sono sconcertata e’ poco! Un copione uguale per tutti ! Ma come e’ possibile? Stesse modalità, stesse esperienze, un risveglio, ma nello stesso tempo sembra di vivere dentro un incubo! Possono esserci sfumature che non combaciano, ma il sunto e’: fughe e ritorni infiniti, in 10 anni ho perso il conto, le mille promesse nella fase di riavvicinamento mai mantenute, i mille progetti condivisi e distrutti in un nano secondo per banalità, i sensi di colpa, l’ inaffettivita’, le bugie, il senso di inadeguatezza, e tante tante altre analogie! Una cosa positiva ad ogni fuga c’è! un lavoro su me stessa, un miglioramento sulla mia persona per voler capire, scoprire il perché! Che mi ha portato a lavorare e migliorarmi conoscendo mondi a me sconosciuti! A tutto c’è un significato, nessun incontro accade per caso, e chi ama non perde mai, fintanto che non ci prendiamo la responsabilità di ciò che accade al 100% ci sentiremo sempre vittime ! Siamo tutti collegati in un evolvere giorno per giorno !


Deborah on 12 Aprile, 2016 at 18:41 #
    

Lui era il classico bravo ragazzo, disponibile,paziente, accondiscendente, premuroso… ci siamo conosciuti sei anni fa qui a roma… lui del sud mi promise che si sarebbe trasferito qui, la zona gli piaceva disse e doveva solo trovare una ragazza. Inizia così il.rapporto a distanza, veniva a trovarmi ogni.mese e mezzo circa..in più cercava lavoro qui..dopo quattro anni e mezzo.il trasferimento, trova lavoro con.alloggio. intanto io cerco casa da comprare x convivere. Diventa critico nei miei confronti, non sono affettuosa, non accetta nessun tipo di critica, alla continua ricerca di ammirazione, infedele, tutto gli è dovuto, attento solo ai suoi bisogni, se facevo qualcosa che a lui poteva dar fastidio non.me lo diceva in quel momento ci rimuginava un paio di giorni e senza preavviso spariva, non rispondeva più al telefono anzi lo.spegneva. sminuiva gli altri, compresa me, che secondo lui non.avevo mai fatto.nulla per il nostro rapporto.. mi.ha innescato tanti sensi di colpa. Il giorno che mi ha lasciato piangeva a dirotto mentre mi diceva di non amarmi piu. Sono passati due mesi da allora durante i quali non ci siamo più sentiti. Non.posso accettare che ora che si è trasferito a roma mi abbia lasciato ( tramite qualcuno so che ha un’altra). Mi ritrovo frastornata, incredula, ferita nell’anima, col cuore frantumato e una casa vuota, chiusa che nel frattempo avevo comprato per andarci a convivere( col suo aiuto morale), adesso solo entrare in quella casa è una coltellata in più…. ditemi che è solo un brutto sogno…


Ilmen on 1 Aprile, 2016 at 22:03 #
    

Gesù. Che dire. Così tante storie simili. Il primo mi ha mandato a pezzi cinque anni fa. Il secondo talmente abile che manco l’ho riconosciuto come tale. Mi fa a pezzi ogni giorno. Mi lascia, torna e mi riprende come vuole lui. Si parla per ore solo di lui. Torna preoccupato per me. Ogni volta mi fa male e sa di farlo. Torna e mi chiede se sto bene. E poi mi uccide di nuovo. Non riesco a staccarmi. Figlia di padre narcisista. È un copione che vivo da sempre. Ma che adesso mi sta uccidendo.


marina on 12 Marzo, 2016 at 10:19 #
    

ragazzi e dura ma il senso della sopravvivenza e della vita deve essere piu forte di tutto….e bello sapere almeno una cosa che non siamo sole e che queste esperienze sono comuni….


Maria on 5 Dicembre, 2015 at 21:22 #
    

15anni dopo un totale distacco una richiesta di amicizia su fb dalla giovane figlia, poi la sua, allora rintuzzai.dopo 20 anni l’incontro: uno tsunami psico affettivo che non auguro a nessuno.ora ci si vede, raramente, per un caffe’ e per parlare, scherzare, il mio amore e’ solido ed e’ per il mio compagno eppure il distacco pare ancora terrificante


luisa on 18 Ottobre, 2015 at 14:43 #
    

Salve, mi sono resa conto di chi era alla fine della storia, o meglio non storia, dato che trattasi di amore a senso unico. Mi ha sostituita come si fa con un paio di calzini, dopo avermi denigrata per tutto il periodo in cui abbiamo convissuto, fin da subito circa due anni. Non andava bene nulla di me, della mia famiglia, del mio lavoro e chi più ne metta. Stando già con una nuova non credo tornerà e non è una grande perdita e a questo proposito non capisco cosa faccia soffrire, la fine di una lunga tristezza, cosa mi manca?


renata on 22 Giugno, 2015 at 17:28 #
    

salve a tutte anch io faccio parte di voi per nove anni ho avuto un uomo così vicino a me , non riesco a darmi pace per non essere stata attenta a tutte le mie senzazioni e pensieri che avevo quando vedevo che non era proprio come diceva , quando voleva a tutti i costi imporre la sua maniera , quando aveva sempre una critica per tutti non volevo vedere mi ero totalmente appoggiata a lui finche non scopro un altra fortunata donna accanto a lui che lotta per averlo fino all osso un disastro di bugie per tre anni mi cerca finche per l ennesima volta lo respingo sembrerebbe che abbia capito ma io resto preocupata per me non lo voglio più questo è chiaro ma i ricordi affiorano spesso e allora mi vergogno di me proprio tanto non riesco a perdonarmi di non essere scappata prima spero che il tempo mi aiuti come è stato fino ora un saluto a tutte


Tizia on 17 Giugno, 2015 at 11:20 #
    

Era tornato, ha richiuso.
Si sente confuso.
Ma che strano, proprio ora che arrivano le vacanze con lei???
Quando imparerò a dimenticarlo?
E a non credergli più?


Giovanna on 9 Giugno, 2015 at 14:26 #
    

Tizia, l’ho visto anch’io pochi giorni fà, molto divertente! :-)
Anche se non rispecchia il mio vissuto per la parte dei tradimenti, senz’altro la dice lunga, in maniera ironica su quanto noi donne ci lasciamo abbindolare dal maschio edonista e manipolatore…occhi aperti, sempre.


Tizia on 9 Giugno, 2015 at 08:59 #
    

Ciao a tutti!
Ieri sera ho visto “Tutte contro lui”.
Inizialmente era un film che volevo evitare nella paura di rivivere le emozioni spezzate e i dolori del rapporto con lui. Poi mi sono fatta coraggio e ho pensato di affrontare il film e prenderlo come tale (tanto più che è una commedia).
Ve lo consiglio!!!
Cercavo di rispecchiarmi in quelle donne, specialmente in quella interpretata da Cameron Diaz in tutta la sua fermezza e bellezza interiore specialmente!!! Il suo orgoglio, la sua dignità per cui non baratterebbe un solo istante ancora con quell’uomo narciso, traditore, egoista.
Da guardare. Da imparare. Da emulare!!!
Un abbraccio grande a tutti!


micDIELLE on 3 Giugno, 2015 at 21:28 #
    

lo lascio dopo due anni e due mesi,il primo di marzo del 2015,scoprendogli un flart con un amica di una nostra amiLI ca…poi lo scorso mercoledi,dopo 3 mesi MESSAGGIO SU MESSANGER,,,,SCRIVENDO…hai le tue scarpe qui ancora da me,sono nuove mi dispiaceva buttarle .ciao…..IO NON GLI HO RISPOSTO
SE è VERO QUELLO CHE HA SCRITTO SOPRA IL DOTTOR SECCI
VISTO CHE è TORNATO GIA L HANNO SCORSO
ORA ALLA MIA NON RISPOSTA,SI SUSSEGUIRANNO GLI ALTRI SCHEMI???SEMPRE QUESTI QUI ELENATI SOPRA ????OPPURE VISTO CHE NON GLI HO RISPOSTO SE NE VA? MI PIACEREBBE SAPERE UN PARERE DEL DOTT SECCI SEMPRE SE POSSIBILE,VISTO IL LAVORO CHE SVOLGE ..GRAZIE INFINITE X QUESTO BLOG ,CHIARO,TRASPARENTE,E ILLUMINANTE


libera on 8 Gennaio, 2015 at 17:20 #
    

Lavorare,lavorare lavorare..tanto su di sè,ritrovare il Vero sè e tenerselo ben stretto. Far scivolare tutto quello che ti buttano addosso, parole,lusinghe, offese. Menti malate, patologia affettiva. Purtroppo un altro mondo.Vivere una vita vera. Esiste. Ed allontanarsi, appena è possibile. Per sempre. Un abbraccio a tutte/i. Io ne sono uscita,sto bene. Coraggio, non arrendetevi mai. E…buon anno! Anche a lei dott.Secci. Di cuore. LIBERA.


Vanessa on 6 Gennaio, 2015 at 10:29 #
    

Sto realizzando di essere stata in una storia a distanza con un narcisista..per un anno, il piúimpoertante della mia vita. Ora mi sento insicura e con l’autostima nelle nappe freatiche della terra…lo dovrei vedere fra pochissimi giorni, da quando gli ho detto che non poteva stare a dormire da me ( anche se prima in un momento di debolezza gli avevo detto che non c’erano problemi) , si é imbestialito, mi ha risposto ai messaggi con un astio incredibile, sembra il bambino che é preso male con la mamma.. eppure mi tratta come una bambina deficiente. svilimento. come facio ad affrontarlo con forza in quest’incontro che molto probabilmente sará l’ultimo? premetto che soffro come un cane da mesi ( giá da quando eravamo ancora insieme) eppure una parte di me si chiede perché non mi vuole e vorrebbe pure tornarci insieme. Ma si puó? Vi prego aiutatemi ad essere piú forte…mi ha convinta di essere una merdaccia fantoziana e faccio seriamente fatica a far fronte a ció. ( cerco di buttarci una risata ora, perché dopo mesi di pianto l’autoironia devo dire che mi fa rimettere a volte le cose al loro posto)…


FD on 28 Dicembre, 2014 at 10:45 #
    

Ciò che ho letto e’ arrivato nei giorni bui di uno dei tanti periodi down di chi è “vittima”, giorni in cui ho ancor più definito la consapevolezza di essere vittima. Le descrizioni del dott Secci sono state come le parole che sapevi ma non volevi ammettere. Da tempo mi girava in testa l’ idea che avessi bisogno di aiuto. La mia severa capacità analitica mi aveva già fatto vedere la realtà ma non riesco a passare all’ azione e e al primo ritorno del narciso cedo. Che tipo di psicoterapeuta devo cercare? Che tipo di psicoterapia?


liberacomeme on 26 Dicembre, 2014 at 19:57 #
    

per elisa e ale<.io ho la vostra stessa storia:9 anni e mezzo in cui ho lasciato marito e figli per lui,tanta passione e amore da parte mia,dedizione e in cambio almeno il niente!no!doveva distruggermi come persona e sul lavoro.un animale!tre mesi di no contact.mi auguro sia finita .io intanto a 50 anni non posso più riprendermi.sto cercando di farmi forza per non morire ma la notte prego perchè la mia vita possa servire al Signore.spero la moglie non se lo riprenda………….le cose più schifose le ha fatto alle sue spalle,anche quando era in ospedale per partorire la seconda figlia!come si può buttarsi alle spalle 9 anni e chiudere senza neanche un saluto?
ebbene:gli avevo buttato in faccia il letame della sua seconda,terza e quarta vita che avevo scoperto parlando anche con una delle povere sventurate che gli era capitata su fb.credo sia sparito per sempre:ha preso la palla al balzo.lavoriamo per la stessa grande azienda ma in ambiti diversi.come devo fare?


Elisa on 22 Dicembre, 2014 at 18:12 #
    

In ogni commento leggo un po’ di ciò che ho vissuto e di cui è difficile liberarsi…amare amare tanto, amare il niente perché è questo ciò che ho avuto; anni a darsi colpe a guardarsi allo specchio odiandosi pensando di non essere abbastanza, lui ben consapevole di che effetto aveva su di me…tornato e sparito tante volte e ancora non riesco a dimenticare…come si fa a liberare il cuore e l’anima…il ritorno peggiore è stato quest’ultimo, parole che fanno male come un ustioni sul cuore dove sono impresse riempiono Lea testa di perché, mille domande senza risposta…chimica o chissà cosa mi ha portato da te 11 anni fa e mi tiene ancora legata


Rosaria on 19 Dicembre, 2014 at 21:13 #
    

Ho acquistato il libro e l’ho trovato molto interessante ed esaustivo , scritto in maniera impeccabile e scorrevole .
Lo stile narrativo scevro da termini troppo “scientifici ” lo rende comprensibile anche a chi non ha conoscenze specifiche in ambito psicologico e questo lo considero un valore aggiunto .Bravo !
Rosaria ( una collega )


oltre on 19 Dicembre, 2014 at 12:38 #
    

Che dire… grande Ale sei l esempio su come fare forza e volontà brava mi rivedo nel tuo modo di fare e mi sento orgogliosa di me . sono cosi cattivi che riescono a farti rimanere sola l importante però che loro abbiano tante persone vicine .Al diavolo grinta forza e coraggio di coraggio ce ne vuole a stare con loro……


Ale on 18 Dicembre, 2014 at 12:43 #
    

Prenotato il libro ! Come uno schiffo in pieno volto leggere cio’ che ho vissuto …cio’ per il quale ho messo sotto i piedi marito figli lavoro amicizie vita ! ogni volta che tornava penavo "ha capito !! io ,la crocerossina gli ho fatto capire che si ama dando senza aspettative ..ma le aspettative le avevo …per cui sempre triste frustrata ..40 sigsrette ..aperitivo ..gocce per dormire ! da un mese ho chiuso !! domenica ha cominciato il nuovo attacco …sms molto vago ..Bel Genoa ! voleva commento calcistico !! ma ho capito ..finalmente ho capito ..tre anni e mezzo di sofferenza mi hanno tolto il sorriso ! soffro ancora ma ho capito ..questo sara’ il mio punto di partenza !!


oltre on 16 Dicembre, 2014 at 18:24 #
    

Cara est mi dispiace dalle tue parole noto un grande dolore e credimi un abbraccio virtuale già lo mando,ma purtroppo devo essere dura con te tanto perchè devi subito darti da fare e andare avanti.il mio motto è sempre stato mi pieghi mostro ma non mi spezzi .se non ti aiuti tu chi può inizialmente farlo….. nessuno si forte va in terapia subito rinascerai sii ottimista e ricorda la carogna non e lei ma lui ,purtroppo lei sarà la sua nuova vittima


Agata on 16 Dicembre, 2014 at 11:01 #
    

@Oltre: grazie del tuo commento. Forse hai intuito una sfumatura che mi appartiene. Non è che voglio che lui ritorni, perchè conosco ciò che mi aspetta. La mia è più una forma di risarcimento per il male procurato in questi anni, il dolore e le umiliazioni a fronte del mio amore. E’ difficile accettare che esistano persone simili al mondo, che non ci sia consapevolezza della sofferenza che sono in grado di procurare.
Nonostante rientri in pieno nel profilo del narcisista, non mi ha fatto mancare niente, sui ritorni sono scettica (meglio per me che mi aiuta a distaccarmi emotivamente), perchè troppo orgoglioso e sicuro di aver voltato pagina.


est on 15 Dicembre, 2014 at 10:53 #
    

Mi ha completamente fatta a pezzi, psicologicamente e fisicamente…mi ha lasciata dopo 6 anni per una preda migliore di me, sessualmente ed economicamente, non riesco più a rapportarsi con gli uomini, vivo paura e terrore e sono molto dura con loro.Lo rivedo in molti uomini temo che resterò sola …inoltre temo la sua rabbia perché nn ho rinunciato agli alimenti causandogli probblemi con la carogna che si è intromessa nel mio matrimonio.Alla fine eravamo più o meno felici io l accettavo così. Non sono capace di amare nessun altro se potete aiutarmi contattatemi ho bisogno di aiuto…tanto più che lo amo ancora nonostante mi abbia ridotta molto male….


ale on 14 Dicembre, 2014 at 11:55 #
    

Grazie dott.. Secci per questo posta salvavita! Ritornano sempre, specie se ce ne andiamo davvero. La mia esperienza: tutti e 3 i tentativi di ritorno qui descritti. Ora il 4, il piu pericoloso perché costruito a partire da un evento tragico a lui successo che avrebbe innescato un profondo cambiamento. Attenzione, attenzione! Niente illusioni. Ricordatelo (e lo ricordo a me stessa)!


oltre on 11 Dicembre, 2014 at 18:14 #
    

cara agata non ti sento convinta ,dalla tua testimonianza ho capito che forse vuoi in cuor tuo che lui ritorni, gia il fatto che tu lo hai cercato dimostra questo.io fossi in te chiuderei quella fessura che ancora tieni aperta per aspettare un suo ritorno. non essere debole vivi la tua vita perchè quella con questi mostri e morte ,morte dentro non ti potrà mai dare ciò che vuoi tu da un uomo. ti auguro un sereno natale che possa portarti forza e serenità .un abraccio da una che come te ha sofferto.


Enrico Maria Secci on 11 Dicembre, 2014 at 14:11 #
    

Cara Agata, grazie per la testionianza. Sono felice per Lei. Si ritenga molto fortunata! Un caro saluto. Enrico Maria Secci


Agata on 11 Dicembre, 2014 at 10:38 #
    

Gentile dottore, mi permetto di dubitare di un possibile ritorno del narcisista che ho frequentato, perchè da quando ho attuato il no-contact ho avuto l’ardire di farmi viva io per spiegare il motivo della “sparizione” e lui, nonostante gli anni trascorsi insieme ha mostrato indifferenza, anzi mi ha replicato che sta benissimo.
E’ possibile?
E’ troppo orgoglioso per ritornare.
Ovviamente meglio così, ma non sono sicura che ritornino sempre.


silvana on 10 Dicembre, 2014 at 15:24 #
    

E se si tratta di un figlio? Mai sospettato x 42 anni, mio marito da tempo sognava di comprare una casa con giardino, mio figlio voleva partecipare. 2 abitazioni, solo vicinanza affettuosa. Mio marito è morto, lasciando una cifra non molto alta, ma comunque golosa. Dopo molte insistenze ho accettato, ma a mano a mano che si presentavano problemi economici sempre più importanti il figlio affettuoso è diventato violento, sembrava cercare tutte le scuse per sfogare le sue rabbie su di me.ad un certo punto ha cominciato a dire a tutti che stavo andando fuori di testa e che inventavo storie. La casa era isolata quanto a mezzi di trasporto e chiedere passaggi è diventato sempre piu penoso. Mi sono rivolta ad un analista chiudendo di farmi da specchio, perché l’idea dimrinscemire mi faceva paura.avuta conferma che non ero fuori di testa ho dovuto scegliere se volevo vivere in quel modo oppureno.ho dvelto il no. Quando me ne sono andata è successo il finimondo. Ho avuto seriamente paura che mi picchiasse o peggio. Tornare indietro è grave, trovare casa è grave, è proprio un momentaccio. A questo punto mio figlio mi ha offerto un piccolo appartamento di sua proprieta ed accettare è stato giocaforza, ma non mi fido più di lui. Ovviamente non riavrò mai più i soldi che ha usato, e che sarebbero serviti alla mia vecchiaia, ho 67 anni, ma continuo a chiedermi come mai in 42 anni è stato sempre allegro ed affettuoso. Mentre quando mi sono trovata nelle sue mani è diventato tanto ignobile. Mi sembra un incubo. Tutto quello che gli accade è colpa degli altri, ma ha anche rovinato il mio rapporto con ilresto della famiglia che mi tiene a distanza. Non si è trattato di una relazione di poco tempo, è cresciuto tra le mie mani, perché? Di sicuro non stima molto se stesso, ma a cada lo abbiamo sempre abituato a pensare che se qualcosa va storto, non vuol dire che è la fine del mondo, bisogna guardare la cosa da tutti gli angoli e decidere la cosa più conveniente da fare


cb on 9 Dicembre, 2014 at 11:07 #
    

…è passato un anno da quando sto tentando di ricominciare a vivere, dopo dieci anni di relazione malata. Un anno in cui le ricatture sono state tante. Un anno di "pseudo-stalking", come lo chiamo io. Periodiche, quasi a scadenze fisse, mensili. Ora sta per arrivare il Natale e so che ancora la rabbia e la frustrazione mischiate all’alcool, lo porteranno a rifarsi vivo. L’ho minacciato di denuncia, l’ultima volta. Questo sembra averlo calmato, anche se so che non è così, perché dentro ribolle ancora la rabbia verso se stesso che identifica in me. Ormai mi sono fatta un’idea abbastanza chiara delle sue dinamiche patologiche. Ogni suo presentarsi in maniera diversa, mi allontana di più e mi fa entrare meno nel buco nero paralizzante della paura di essere me stessa. Auguro un buon Natale a tutte le persone che come me hanno vissuto un incubo patologico e soprattutto tanta forza per potersene allontanare.


Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.